EFG

Direktlink:
Inhalt; Accesskey: 2 |Hauptnavigation; Accesskey: 3 |Servicenavigation; Accesskey: 4

Related Names


Related Titles

No matches

 

Moglie di Claudio, la

  • Other title(s): Moglie di Claudio, la
  • Genre: Feature film
  • Country: IT
  • Year: 1918
  • Runtime: 00:70:00
  • Description:
    Cesarina Rupert, a modern day Messalina, is Claudio’s wife, a patriot and a brilliant inventor of war vehicles for France. Between personal drama and spy intrigues, this mismatched couple is destined for a tragic end. Pina Menichelli demonstrates her impressive and expressive range in her role as Dumas’ dark heroine “the evil woman who undermines society, breaks up families, dismembers the mother country, challenges man, dishonors the woman she is impersonating, and destroys those who do not crush her”. The result is a performance that captures the excesses but also the hypnotic and erotic power of what Dalì defined as “hysterical cinema”. Even if local critics snubbed the film, not only because of the excesses of the female lead but also the un-original storyline, it is remarkable to see advanced social and political themes of the times addressed, such as abortion and the aspirations of the Jewish people for a national state. Stella Dagna, “Catalogue Il Cinema Ritrovato 2012”. Film restored in collaboration with Museo del Cinema di Torino.

    Cesarina Rupert, moderna Messalina, è la moglie di Claudio, patriota e geniale inventore di macchine belliche per maggior gloria della Francia. Tra drammi passionali e intrighi spionistici una coppia così male assortita non potrà che andare incontro a una fine tragica. Pina Menichelli esibisce il suo campionario espressivo più estremo per rappresentare l’eroina nera di Dumas “la mala femmina che mina la società, dissolve la famiglia, smembra la patria, sfibra l’uomo, disonora la donna di cui assume le parvenze e distrugge quelli che non la schiacciano”. Il risultato è una performance che incarna compiutamente gli eccessi ma anche il potere ipnotico ed erotico di quello che Dalì definì “cinema isterico”. Anche se i critici contemporanei storsero il naso, criticando non solo gli eccessi della protagonista ma anche la convenzionalità della storia, stupisce veder trattati sullo schermo in modo tanto esplicito per l’epoca temi sociali e politici quali l’aborto e l’aspirazione del popolo ebraico alla costituzione di uno stato nazionale. Stella Dagna, “Catalogo Il Cinema Ritrovato 2012”. Restaurato in collaborazione con Museo del Cinema di Torino.

  • Keywords: EFG1914
    World War I
  • Collection: Cineteca di Bologna Film Collection
  • Provenance: Cineteca del Comune di Bologna
  • Provider: Cineteca di Bologna
  • Production company:Itala Film
  • Director:Zambuto, Gero
  • Language: it
    it